L’ottimizzazione del lay-out espositivo

Dopo aver osservato delle performance di vendita variabili da negozio a negozio, un’insegna della grande distribuzione ci ha chiesto aiuto per osservare il comportamento dei clienti davanti agli scaffali. Abbiamo utilizzato il mobile eye-tracking per riorganizzare la comunicazione a scaffale, con lo scopo di rimettere al centro dell’attenzione il cliente e le sue logiche di scelta e selezione.
1 - L’esigenza
L’azienda, specializzata e fortemente caratterizzata da un suo format, registrava delle performance di vendita variabili da punto vendita a punto vendita e non omogenee per i vari reparti. Non essendoci evidenze che questa disomogeneità potesse essere attribuita a variabili esterne, l’azienda ha voluto fare una verifica della situazione interna analizzando l’efficacia dell’esposizione.

2 - L’obiettivo
Il progetto di ricerca doveva verificare quali fossero le motivazioni e le modalità di scelta della clientela quando si trovava di fronte allo scaffale; l’obiettivo finale era di migliorare l’esperienza di acquisto e di adeguare i risultati di vendita a quelli della concorrenza.

3 - L’approccio
INFOVALUE ha realizzato un impianto di ricerca in più fasi, basato sull’effettivo comportamento dei clienti. Abbiamo effettuato delle sessioni di rilevazione mediante l’utilizzo di uno strumento in grado di farci vedere “in diretta” dove si posava lo sguardo dei clienti, il Mobile Eye-Tracking. La ricerca ha inoltre svolto delle osservazioni sui comportamenti d’acquisto e delle interviste davanti allo scaffale.

4 - La soluzione
La ricerca ha generato un’ampia serie di suggerimenti che l’azienda ha utilizzato riorganizzando la comunicazione a scaffale. L’obiettivo di avere il cliente e le sue logiche di scelta come punto di attenzione principale è stato raggiunto ed è stato trasformato in una serie di suggerimenti operativi.

Infovalue s.n.c.

Via Savona 103/A - Milano 20144
infovalue@infovalue.it
P.IVA 09166520966